Un percorso multimediale per esplorare e comprendere le origini del territorio


Marchingegno è stata incaricata dal Comune di Apecchio della progettazione dell’allestimento del Museo dei Fossili e dei Minerali del Monte Nerone, con la collaborazione dell’Arch. Alessandra Panzini. Marchingegno si è occupata della definizione del concept, del progetto museologico e dell’elaborazione dei contenuti del percorso espositivo, con la supervisione scientifica di Federico Famiani e Domenico Bei.

Il Museo dei Fossili e dei Minerali del Monte Nerone è ospitato da circa 40 anni nei sotterranei del rinascimentale Palazzo Ubaldini, nel centro storico di Apecchio. All’interno di suggestivi spazi voltati trovano posto collezioni geo-paleontologiche di grande rilevanza scientifica, con numerosissimi esemplari di cui molti di eccezionale valore.

Il nuovo allestimento, che vede il ricollocamento degli oggetti della collezione secondo criteri tematici, interessa le prime quattro sale del museo:

1. Il territorio: il Geoparco dell’Appennino nord-marchigiano e il Museo dei Fossili e dei Minerali di Apecchio

2. L’origine del Monte Nerone

3. Le ammoniti: dalla vita alla fossilizzazione

4. I minerali e altre ammoniti del Monte Nerone

Nel nuovo percorso sono state inserite alcune installazioni multimediali con lo scopo rendere più comprensibile il rapporto tra reperti e contesto territoriale, oltre che di creare elementi di attrattività verso ampie fasce di pubblico e offrire ai visitatori una fruizione interattiva e accessibile dei contenuti. Tra queste:

- una mappa interattiva che fotografa i geositi del territorio, permettondo di esplorarne le specificità,

- una plastico statico-dinamico del massiccio, in cui attraverso la proiezione è possibile assistere all’evoluzione geologica dal Monte Nerone dal Triassico ad oggi,

- due proiezioni in grafica di animazione attivabili toccando riproduzioni fossili, queste ultime pensate anche per un pubblico con disabilità visiva.

Il Museo dei Fossili e dei Minerali del Monte Nerone, che sarà inaugurato all’inizio di marzo, è finanziato dalla Strategia dell’Area Interna dell’Appennino Basso Pesarese-Anconetano, nell’ambito della Strategia Nazionale delle Aree Interne.

Insieme al Museo del Tartufo di Acqualagna e al Museo della Turba di Cantiano, inaugurati rispettivamente nel 2018 e nel 2019, e all’Ecomuseo della civiltà appenninica umbro-marchigiana di Serra Sant’Abbondio, di prossima apertura, fa parte di una rete di hub culturali – gli Asili d’Appennino - finalizzati alla rigenerazione del territorio per la coesione delle comunità locali e lo sviluppo turistico sostenibile.


CLIENTI: Comune di Apecchio


DATA: Giugno 2021


CATEGORIA: Allestimenti; Contenuti e Storytelling; Multimedia

© 2017 marchingegno srl - via fossombrone, 14 60126 ancona - italy | tel: +39 071 872484 - email: info@marchingegno.it - marchingegnoancona@pec.it | P.IVA 02158660429